Sonic title screen

Sonic the Hedgehog – Retrospettiva – Parte 1

Sonic festeggia 25 anni e SEGA annuncia due nuovi titoli per il 2017. Noi vogliamo festeggiarlo con questa dettagliata retrospettiva. Venite con noi!

E’ notizia di questi giorni l’annuncio di SEGA riguardo a due nuove titoli basati sulla propria mascotte blu: Sonic. Il primo titolo a essere annunciato è stato Sonic Mania, un vero e proprio ritorno alle origine per la saga.

Sonic è a tutti gli effetti una delle icone videoludiche più importanti di sempre. Nato agli inizi degli anni ’90, è riuscito a giungere fino ai giorni nostri. Una delle caratteristiche di questa serie è stata però l’altalenante qualità dei titoli che si sono susseguiti. Da capolavori assoluti si passava spesso a titoli semplicemente pessimi.

Vi proponiamo quindi una retrospettiva sul porcospino blu più amato dai videogiocatori. Partendo dagli inizi, vi racconteremo i titoli da riscoprire e quelli da evitare a tutti i costi (almeno secondo noi). A questa prima puntata ne seguiranno altre curate da Giovanni Ballarin, retrogamer d’assalto e grande conoscitore dell’universo di Sonic. E ora via, a velocità supersonica!

Una nuova leggenda prende la rincorsa

Era il 1991 e SEGA e Nintendo si contendevano lo scettro di regine del mercato videoludico. La temporanea superiorità tecnica del SEGA Genesis stava per essere raggiunta (e sulla carta, superata) di lì a poco dall’uscita del Super NES di Nintendo (già disponibile in Giappone sul finire del 1990). Già dalle prime immagini e dai primi giochi presenti, il Super NES appariva come una console tecnologicamente superiore. Un altro grande vantaggio della console Nintendo era poter contare su brand già consolidati (Mario e Zelda su tutti). Il destino del Genesis sembrava quindi segnato. In tutta risposta, SEGA puntò tutta la sua campagna marketing sul cosiddetto Blast Processing (in realtà il Motorola 68000 usato da SEGA era meno performante del Ricoh 5A22 di Nintendo, ma veniva usato a una frequenza di clock doppia). Per far sì che lo slogan “Nintendon’t” avesse un seguito e la sopravvivenza del Genesis fosse messa al sicuro, per la casa di Tokyo c’erano solo due opzioni: creare un videogioco tecnicamente all’avanguardia, che potesse sfruttare appieno il famigerato Blast Processing e creare un personaggio che entrasse nel cuore del pubblico, magari sottraendo parte dei riflettori alle mascotte Nintendo.

Sega Genesis

Le origini

Dalla mente di Naoto Oshima, Hirokazu Yasuhara e Yuji Naka nacque quindi Sonic, porcospino blu capace di correre a velocità supersoniche.

Come tutta la sua storia, anche le origini furono piuttosto travagliate: inizialmente pensato come un armadillo, diventò poi un cane e una lepre. Vi furono altri concept che poi vennero utilizzati per la realizzazione della nemesi di Sonic, il Dott. Eggman (Dott. Robotnik in America ed Europa). L’idea del riccio venne a Oshima, che ne realizzò una versione verde acqua, per poi essere ricolorata successivamente di blu per richiamare i colori del logo di SEGA.

Sonic Generations

Curioso anche il primo background del personaggio, che vedeva Sonic membro di una rock band e con una fidanzata umana. Insomma, fin dagli inizi la serie di Sonic è stata preda di continue scelte discutibili, una confusione congenita che purtroppo, come avremo modo di vedere, prosegue tutt’oggi.

Ma torniamo al 1991: il 23 Giugno su SEGA Genesis (o Mega Drive in Europa) usciva…

Sonic the Hedgehog

Primo titolo dedicato al porcospino blu, fu una vera e propria ventata d’aria fresca nel mondo dei platform. Gameplay semplice ma spinto a velocità supersoniche su schermo: rampe, giri della morte, salti chilometrici, molle, tutto era studiato per mettere in risalto le caratteristiche principali del personaggio e dimostrare al mondo la potenza del Genesis. Colori vivacissimi e una grafica dettagliata sfrecciavano su schermo a una velocità mai vista prima, il tutto condito da una colonna sonora particolarmente ispirata. I giocatori più attempati si ricorderanno sicuramente il jingle che faceva da tema principale al gioco (salvo poi essere sostituito nel corso del tempo).

Sonic the Hedgehog

Sonic the Hedgehog 2

Si può migliorare un capolavoro? A quanto pare sì. Poco più di un anno dopo il primo episodio, SEGA concede il bis con Sonic 2. Un altro capolavoro: grafica migliorata, level design ancora più raffinato e una colonna sonora d’eccezione. Una spanna sopra anche i livelli bonus, che presentavano una serie di rampe in 3D in cui correre all’impazzata. Oltre al ritorno di Sonic e del malvagio Dott. Eggman, faceva la sua prima apparizione Tails, volpe a due code amica di Sonic. Con l’aggiunta del personaggio veniva introdotto anche il multiplayer in locale, anche se in termini di gameplay il secondo giocatore si trovava spesso a essere poco più che uno spettatore con il pad.

Sonic the Hedgehog 2

Continua…

Bene, mi fermo qui e lascio la parola a Giovanni, che vi proporrà una carrellata dei migliori titoli di Sonic da riscoprire e quelli proprio da evitare come la peste! Noi ci vediamo alla prossima.

Fondatore e sviluppatore software di Urkin. Conosce C++/C#/Java/Javascript e Unity. Da sempre appassionato di videogames e musica.

Marketing e Realtà Aumentata

L’importanza della Realtà Aumentata nel marketing

La Realtà Aumentata sarà sempre più importante in ambito marketing. E' importante capirne subito le potenzialità per non farsi trovare impreparati.
LEGGI
NES Classic Mini

NES Classic Mini – Recensione

Da appassionati retrogamer quali siamo, abbiamo messo le mani sul nuovo NES Classic Mini di Nintendo. Ecco cosa ne pensiamo!
LEGGI

Cagli’s Wallgame

Si comincia!
LEGGI
Retrogaming - Collezione

Retrogaming: nostalgia del passato (Parte 1)

Viaggia con noi alla riscoperta dei grandi classici del passato: prima parte, dagli albori alla fine degli anni '80. Atari 2600, Commodore 64, Amiga 500, Apple II, Sinclair ZX Spectrum e Amstrad CPC 464: le prime console.
LEGGI
Shares