Sonic 3

Sonic the Hedgehog – Retrospettiva – Parte 2

Eccoci alla seconda parte della nostra retrospettiva. Oggi si parla di due dei titoli più popolari e meglio riusciti dell'era Megadrive, che insieme costituiscono il terzo capitolo delle avventure di Sonic.

Da grande appassionato di videogiochi e retrogaming, nonché grandissimo fan del nostro Blue Blur, raccolgo volentieri il testimone di Giacomo nel dedicare alcuni brevi articoli a quelli che secondo me sono i titoli più interessanti della serie di Sonic. Si tratta, manco a farlo apposta, di un percorso “ad anello” (ah-ha!) perché parte dalle origini e, come abbiamo visto grazie all’annuncio di Sonic Mania, dopo venticinque anni vi ritorna.

Pronti? Si va!

Sonic the Hedgehog 3 e Sonic & Knuckles

Sonic 3              Sonic & Kunckles

Il terzo capitolo rappresenta il punto più alto della serie su Genesis/Mega Drive ed è un progetto talmente ambizioso che, per motivi tecnici ed economici, deve essere diviso in due parti. Nascono così Sonic the Hedgehog 3 e Sonic & Knuckles. Su questi giochi si può quindi fare un discorso unitario perché, di fatto, rappresentano un titolo unico.

Squadra che vince non si cambia

Il gameplay è rimasto sostanzialmente immutato: in entrambi è necessario attraversare i livelli sconfiggendo i nemici per recuperare i sette Chaos Emerald e mandare a monte i piani del Dr. Eggman. Questa volta però, lo scienziato ha un nuovo alleato: l’echidna Knuckles, un personaggio che qui fa la sua prima apparizione e in seguito diventerà uno dei comprimari fissi della saga. Knuckles non è utilizzabile in Sonic 3 e selezionabile in Sonic & Knuckles, dove possiede una propria storyline parallela a quella di Sonic.

Sonic Angel Island           Sonic Mushroom Hill

Tutti gli elementi che hanno decretato il successo dei giochi precedenti ritornano al meglio: grazie a nuove animazioni, Sonic e compagni sono più veloci che mai, continuano a correre in scenari di grande impatto visivo (dalla giungla tropicale di Angel Island alla neve di Ice Cap all’isola galleggiante di Sky Sanctuary) e sono accompagnati da una colonna sonora davvero coinvolgente1.

 

I livelli sono incredibilmente più ampi rispetto a quelli dei giochi precedenti (ottima in questo senso, l’idea di inserire anche la possibilità di salvare il gioco tra una zona e l’altra), inoltre sono stati inseriti nuovi power-up, nuovi bonus stage (nei quali è possibile raccogliere i Chaos Emerald per trasformarsi in Super Sonic) e delle piccole scene d’intermezzo che vogliono dare una coesione narrativa al procedere della storia. La difficoltà crescente, di molto aumentata rispetto a Sonic e Sonic 2, rende il tutto una vera e propria sfida per gli appassionati, grazie anche ai numerosi elementi extra ottenibili utilizzando insieme i due giochi.

 Sonic & Kuncles

La tecnologia Lock-On

Come ho già accennato, per quanto siano perfettamente godibili singolarmente, i due titoli formano un unico gioco e di fatto possono essere giocati in questo modo grazie alla tecnologia Lock-On utilizzata per la cartuccia di Sonic & Knuckles.

Sonic 2 & Knuckles       Sonic 3 & Knuckles

Sonic 3 poteva infatti essere montato fisicamente su Sonic & Knuckles diventando Sonic 3 & Knuckles.

I livelli di Sonic & Knuckles andavano così a seguire quelli di Sonic 3, portando la storia al “vero” finale, ambientato nello spazio della Doomsday Zone. Oltre ad “aggiungere” livelli, il sistema Lock-On dava la possibilità di usare l’echidna Knuckles in Sonic 3, di usare Tails in Sonic & Knuckles e perfino di usare Knuckles in Sonic 2 (montando Sonic 2 su Sonic & Knuckles)2. Nel caso questo non fosse sufficiente, ulteriori livelli bonus affrontabili con tutti i personaggi permettevano di raccogliere i Super Emerald, grazie ai quali Sonic, Tails e Knuckles potevano trasformarsi e diventare ancora più potenti.

Per concludere…

Sonic 3 e Sonic & Knuckles sono, secondo me, un vero e proprio gioiello di divertimento capace di tenere incollati allo schermo sia i neofiti, sia i giocatori più esperti. Divertenti al primo impatto, possono adattarsi a diversi stili di gioco e diventano ancora più interessanti se giocati una seconda o perfino una terza volta. Man mano che si prende confidenza con i livelli, si prova infatti a correre meno e a esplorare meglio l’ambiente per trovare percorsi alternativi, vite extra o i famosi smeraldi.

Per concludere, posso dire che Sonic 3 e Sonic & Knuckles costituiscono un perfetto Ritorno dello Jedi del porcospino blu (non me ne vogliano i fan di Star Wars!) e, per quanto poi affiancati e seguiti da titoli interessanti come Sonic CD, Sonic 3D Blast o Knuckles’ Chaotix, raggiungono un apice che non ha più avuto eguali nella storia della mascotte SEGA.

Per oggi è tutto direi. Continuate a seguirci nella prossima puntata della nostra retrospettiva.

Alla prossima!

Bonus: non è facile essere Sonic!

 

Note:

1. Voci non confermate parlano di una partecipazione di Michael Jackson alla composizione della colonna sonora di Sonic 3. Pare che Jackson avesse scelto di non essere accreditato perché insoddisfatto del sonoro della console e che questa collaborazione non sia mai stata ufficializzata a causa delle vicende giudiziarie in cui il cantante era coinvolto all’epoca. Secondo alcuni, il suo contributo sarebbe comunque riconoscibile nel tema della Carnival Night Zone, come sarebbero evidenti le somiglianze tra il tema dei titoli di coda del gioco e il pezzo Stranger in Moscow.

2. Sonic the Hedgehog non poteva sfruttare gli elementi di Sonic & Knuckles, tuttavia, collegare le due cartucce permetteva di giocare a Blue Sphere, una raccolta di livelli bonus sullo stile di quelli di Sonic 3. Lo stesso succedeva provando a montare Sonic & Knuckles su qualsiasi altra cartuccia del Genesis (si ottenevano però di singoli livelli del mini-gioco).

Traduttore, giocatore e traduttore di videogiochi.

RES PublicA

Sistema di monitoraggio del territorio.
LEGGI

Sonic the Hedgehog – Retrospettiva – Parte 3

Dopo una lunga pausa, rieccoci alla retrospettiva dedicata alle avventure del porcospino blu di casa SEGA. Anche oggi, doppia dose di retrogaming e per recuperare, un articolo un po’ più lungo del solito!
LEGGI

(*U).start()

Urkin diventa srl...e social.
LEGGI
bloomingyoARway Store

Blooming yoAR way

Ci vediamo doppio! In occasione dell'edizione 2018 del Blooming festival, Urkin ha rilasciato non una, ma ben due app dedicate all'evento, sia per Android che iOS. Per vivere il Blooming al meglio! Fiorisci a modo tuo!
LEGGI
Shares